top of page

Cosa NON si mangia

Ecco una lista di cose che è meglio tenere fuori dalla portata dei nostri cani:


- Albume d'uovo: non va somministrato crudo, contiene avidina, una sostanza che blocca l'assorbimento della biotina, una vitamina del gruppo B, responsabile della crescita del pelo. Da non sottovalutare il rischio di far contrarre il cane anche la salmonella.


- Alcol: è causa di vomito, diarrea, perdita della capacità motoria, scompensi del sistema nervoso centrale, tremori, difficoltà respiratorie e squilibri metabolici nel migliore dei casi, coma e morte nel peggiore. Il cane non metabolizza l'alcol, che risulta altamente tossico e fatale.


- Avocado: sia il frutto sia le foglie dell'avocado contengono il persin, una tossina fungicida non solo per i cani, ma anche per l'uomo, che sempre più spesso porta a sviluppare intolleranze alimentari e allergie.


- Caffeina: non solo il caffè, ma tutte le bevande che contengono caffeina, compreso il tè, non andrebbero somministrati i nostri cani. Possono portare problemi gravi a livello gastrointestinale, alterazioni del ritmo cardiaco e ictus.


- Cavoli: contengono importanti quantità di disolfuro di n-propile-disulfide, che insieme ad altri tre tipi di sodio alchil-tiosolfati, può distruggere i globuli rossi del cane, portando debolezza, vomito, diarrea, urine di colore scuro e anemia emolitica grave. Dosi minime di cavolo, se date in modo continuato, possono rivelarsi mortali.


- Cibo per gatti: può sembrare strano ma è assolutamente vietato; troppo proteico e ricco di ceneri, c'è il rischio di compromettere gravemente i reni.


- Cipolle: come i cavoli, contengono importanti quantità di disolfuro di n-propile-disulfide, che insieme ad altri tre tipi di sodio alchil-tiosolfati, può distruggere i globuli rossi del cane, portando debolezza, vomito, diarrea, urine di colore scuro e anemia emolitica grave. Soprattutto le cipolle, sedato in modo continuato, possono rivelarsi fatali.

Cosa NON deve mangiare un cane

- Cioccolato: è un vero veleno, soprattutto se si parla di fondente. Il pericolo è dato dalla teabromina, un alcaloide naturale presente nelle piante di cacao e nei suoi derivati, che svolge l'azione stimolante del sistema nervoso centrale e con effetto vaso dilatatore. Nei cani provoca tachicardia, tremori e morte nei casi più gravi. Bastano 50 g a intossicare un cane di taglia piccola.


- Dolci: tutti, incluse le caramelle e il gelato, sono molto pericolosi. Spesso contengono dolcificanti come lo xilitolo che è tossico per il cane. Se assunto in grandi quantità, può causare un abbassamento dei livelli di glucosio nel sangue e di conseguenza un collasso del sistema nervoso centrale, perdita di coordinazione e spasmi già dopo 30 minuti della sua ingestione. Inoltre, gelati, alcune caramelle e brioches contengono lattosio e difficile da digerire. Mentre i dolci con il loro alto contenuto di zuccheri, causano problemi ai denti, il diabete mellito e l'obesità.


- Fegato: a piccole dosi fa bene, ma se assunto ad alte dosi il cane rischia un intossicazione di vitamina A, con un deposito di rame nel fegato che porta solitamente alla morte dell'animale


- Noci: le noci comuni, ma anche la *noce moscata, *devono essere evitate nell'alimentazione del cane, possono provocare ostruzioni intestinali o peggio ancora convulsioni se per caso sono ammuffite.


- Pesce crudo: da non somministrare mai se non è stato prima cotto. Contiene l'antitaminasi, una sostanza che blocca l'assorbimento della tiamina.


- Pollo crudo: nonostante la carne di pollo sia ricca di nutrienti per i cani, questo non deve essere somministrata mai cruda, perché è ad alto rischio di salmonella.


- Sale: il suo impiego nella dieta di un cane è una certa condanna alla distruzione dei reni. molti studi e altrettante ricerche hanno verificato che un uso eccessivo di sale nella dieta può portare ad attacchi epilettici in grado di causare coma e morte.


- Tabacco: contiene nicotina, che colpisce il sistema digerente e quello nervoso. Può causare grave tachicardia, collasso, coma e morte.


- Uva e uvetta: non se ne conosce il motivo ma l'uva e l'uvetta, nota anche come uva sultanina, danneggiano irreversibilmente i reni del cane.


Per altre informazioni, accedi qui.

201 visualizzazioni0 commenti

Post correlati

Mostra tutti

Comentarios


bottom of page